Città, Paesi, Borghi e Castelli...
Ti potrebbe interessare anche:

.

Località turistiche da vedere

Toscana: offerte low cost per viaggiare


Se ancora non vi siete organizzati potete ispirarvi a queste offerte low cost in Toscana che vi suggerisco.
Se amate la buona cucina dei ristoranti toscani, il vino e  passeggiare tra vigneti, ville  e case coloniche, vi consiglio di visitare la regione del Chianti in Toscana, il cui paesaggio collinare è inconfondibile ed affascinante.


File: Regione del Ghianti.jpg


Il Chianti è uno dei vini italiani più conosciuto in tutto il mondo ed in molti cercano di imitarlo, ma senza successo, poiché l'originale viene prodotto solo in questa porzione di terra che si sviluppa tra Siena e Firenze, costeggiata appunto dalla statale Chiantigiana.

Quindi, imboccando la statale, la prima tappa è Greve in Chianti, cuore del Chianti e cittadina con una caratteristica piazza circondata da logge, che ospitano numerose trattorie ed enoteche in cui ti invitano per degustazioni dei prodotti tipici e dell'immancabile vino.

A pochi chilometri verso sud, troviamo Radda in Chianti, una pittoresca cittadina medioevale, circondata da alte mura, visitabile comodamente a piedi, con il suo Palazzo dei Podestà impreziosito da un portico ad arcate del xv secolo.

Riprendendo la strada statale sempre verso sud, altra tappa fondamentale è la visita al Castello di Brolio, dove fu sviluppata per la prima volta la formula del Chianti, che con i suoi 530 metri d'altezza domina tutto il paesaggio. Di epoca longobarda, fu rielaborato e fortificato nei secoli successivi dalla famiglia Ricasoli, che da sempre ne è proprietaria.


File: Castello di Brolio.jpg

Ritornando leggermente indietro sulla statale chiantigiana, possiamo recarci a Castellina in Chianti, altra perla di questo territorio, di origine medievale che colpisce per la sua posizione dominante su un colle che si affaccia sulle valli dell'Elsa, e che permette al visitatore di godere pienamente dello splendido spettacolo.

A questo punto del nostro percorso, non possiamo non recarci nella vicina San Gimignano articolo da leggere qui altra perla della regione Toscana, che con le sue 15 torri medievali (erano 72 in origine) è unica in tutto il mondo.



Potremo terminare in bellezza il nostro piacevole tour della regione del Chianti visitando Siena, qui la guida sulla cittadina di Siena l'eterna rivale di Firenze, per vedere la guida sul centro storico di Firenze qui famosa in tutto il mondo per il suo caratteristico Palio che si svolge il 2 luglio ed il 16 agosto di ogni anno nella piazza del Campo, con le sue spettacolari corse di cavalli. 

Sono molte le strutture alberghiere, agriturismo appartamenti ecc... che si possono trovare nella regione del Chianti in Toscana.

Se avete ancora del tempo a disposizione, vi suggerisco anche una puntatina verso Pienza e Montepulcianoarticolo da leggere qui altre due rinomate località toscane a sud di Siena, in cui ospitalità, buon cibo ed ottimo vino non mancheranno sicuramente di soddisfarvi piacevolmente.  

Regalati un tour di una giornata nella regione del vino partendo da Firenze, a bordo di un pullman confortevole, la prima tappa sarà San Gimignano, uno degli esempi più belli di città medievale, nominato Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO. 

San Gimignano, rinomata per le sue famose torri medievali, sorge lungo la Via Francigena, nota è la produzione della sua vernaccia, dello zafferano e delle ceramiche di Santa Fina, approfittando del tempo libero per passeggiare nei vicoli pittoreschi, le sue piazze con chiese dalla mirabile architettura.


Si potrà proseguire il tour visitando la regione del vino Chianti, con i suoi spettacolari panorami. Ci sarà la possibilità di accedere ad una tenuta dove vengono prodotti il Chianti Classico, olio, aceto balsamico ed erbe aromatiche. Con un pranzo a base di bruschetta, salame, pasta, formaggi locali.

Proseguendo si potrà visitare  Siena con  un percorso per scoprire l'architettura della sua Cattedrale e del Palazzo Comunale in Piazza del Campo. La famosa piazza con la sua struttura a conchiglia costituisce il palcoscenico perfetto per il famoso Palio di Siena.

Dove andare e cosa fare per il week end

 Alcune offerte e consigli su dove soggiornare, per il weekend  e anche qualche giorno in più per alcuni fortunati.
Un itinerario affascinante ed intrigante potrebbe essere quello che ci porterà a visitare cittadine come Pompei, Sorrento, Positano ed Amalfi, in quel tratto di costa tirrenica che si snoda subito dopo Napoli. Visitare Pompei ci permette di unire il sacro con il profano, il materiale con lo spirituale poiché da un lato abbiamo l'opportunità di scoprire le vestigia dell'antica città romana, seppellita sotto le ceneri dell'eruzione vulcanica del Vesuvio del 79 a.C., famosa in tutto il mondo, dall'altro abbiamo la possibilità di ammirare e pregare nel Santuario della Madonna del Rosario.


File: Cartina Golfo di Napoli e costiera amalfitana.jpg

Gli scavi di Pompei iniziarono alla fine del settecento portando alla luce uno spettacolo incredibile: il tempo si era fermato al momento esatto dell'eruzione del Vesuvio: tutto si  era conservato perfettamente, case, ville, templi, terme, oggetti, persone, animali.
Questi lavori hanno permesso a tutti noi di conoscere ed immergersi nella vita dell'epoca, quale documento tangibile dell'epoca romana, dei suoi fasti e splendori unici ed irripetibili.


File: Scavi di Pompei.jpg

Dopo aver visitato gli scavi, rispettando gli orari ed i giorni di apertura al pubblico, nel centro della cittadina si può visitare il Santuario della Beata Vergine del Rosario, voluto ardentemente dal suo fondatore il beato Bartolo Longo che con grande impegno volle donare la chiesa alla popolazione meno abbiente del luogo. Il Santuario fu inaugurato nel 1887 ed ampliato nel 1939.


File:il Santuario della Beata Vergine del Rosario Pompei.jpg

   L'interno è riccamente decorato, con 12 cappelle con altare che ripropongono alcuni misteri del rosario. L'altare maggiore è sormontato dell'immagine della Madonna del Rosario con in braccio il Bambinello ed ai lati San Domenico e Santa Caterina da Siena. Il campanile è alto 80 metri. Si celebrano messe quasi ogni ora. Le festività sono l'8 maggio e la prima domenica di ottobre. C'è una Casa del Pellegrino in cui si può mangiare al sacco.

Facilmente raggiungibile in auto con l'autostrada Napoli-Reggio Calabria, uscita Pompei. Invece in treno con la linea Napoli-Salerno e Circumvesuviana.
Per verificare gli orari di apertura e chiusura e relativo costo del biglietto di ingresso agli scavi vi rimandiamo al sito ufficiale della città di Pompei.

Dove soggiornare a Pompei:

Situato a 20 minuti a piedi dalle rovine di Pompei e a 900 metri dalla stazione ferroviaria, segnaliamo il raffinato Pompei Resort che offre servizi gratuiti quali il parcheggio, la connessione Wi-Fi e la navetta di linea per il centro città.

Tutte le camere sono eleganti, splendidamente arredate e fornite della connessione via cavo gratuita, e da alcune di queste si può vedere il giardino circostante  e il vulcano del Vesuvio.

Il ristorante propone specialità campane, che in caso di bel tempo potrete gustare anche all'aperto. La colazione comprende invece cereali, torte e frutta.

Il Pompei Resort dista 1 km dall'uscita Pompei Est-Scafati dell'autostrada A3.



Riprendendo la splendida strada costiera che si snoda ed inerpica tra rocce e mare, fornendo al visitatore uno spettacolo mozzafiato, ci imbatteremo in Sorrento, altra nota località turistica arroccata di fronte all'isola di Capri. Amata dagli imperatori romani che qui fecero costruire le loro ville più belle, è anche famosa per avere dato i natali al poeta Torquato Tasso, nato a Sorrento nel 1544, al quale è stata dedicata una statua che troneggia nella piazza principale della cittadina.


Spostandoci nuovamente verso sud, lungo la litoranea, potremo bearci della bellezza di Positano, una delle perle della nostra costiera amalfitana, nata alle pendici del monte Sant'Angelo  a Tre Pizzi come piccolo borgo di pescatori, con le sue viuzze e  casette color pastello, divenuta oggi meta della mondanità turistica. Su tutto il paese svetta la chiesa di Santa Maria Assunta, con la sua caratteristica Cupola rivestita di tegole in maiolica colorata, tipica produzione locale.


File: Veduta di Positano.jpg


Per concludere in gloria il nostro percorso, non possiamo rinunciare alla visione della splendida Amalfi, dichiarata patrimonio dell'umanità dall'UNESCO. Questo gioiello del sud Italia è stata in passato una potente Repubblica Marinara con Pisa, Venezia e Genova che viene ricordata ogni anno con una regata storica con le antiche rivali. Purtroppo venne distrutta da una terribile tempesta nel xiv secolo. e quindi ci restano poche vestigia, tra esse il Duomo medioevale, ristrutturato nel 1203 con uno stile arabo-normanno-siciliano e nel 1703 è stato arricchita da un chiostro in stile prettamente barocco.





Meta di numerose celebrità dello spettacolo e del jet-set che qui amano rilassarsi ed abbronzarsi sotto il suo splendido sole, con i suoi colori e profumi indimenticabili.
Si conclude qui il nostro piccolo tour itinerante su quel tratto della nostra costa tirrenica che nulla ha da invidiare a località turistiche esotiche e poste in terre lontane. Noi l'abbiamo qui a pochi chilometri da noi! 

Lazio gite di un giorno: come spostarsi e cosa visitare

Come orientarsi sulla scelta di cosa vedere,  nel Lazio, per trascorrere un weekend o anche per una gita romantica di un giorno, con video e fotografie che offrono ai nostri occhi il piacere di visitare questi posti meravigliosi, anche solo con la fantasia. Il Lazio, come del resto tutte le regioni d'Italia, ha molteplici paesaggi che lo rendono unico: laghi, fiumi, colline, vallate arricchite da castelli, borghi medievali, vicoli e l'ospitalità degli abitanti che allieteranno la vostra gita o vacanza.



800px-Fori_imperiali (FILEminimizer)

Si potrebbe partire ovviamente da Roma, la città eterna con il Colosseo, il Pantheon, le Terme di Caracalla, la Domus Aurea, San Pietro ecc... che sono alcuni dei luoghi più noti da visitare a Roma  una delle città più belle del mondo che, con la sua lunga storia, nel corso dei secoli ha dato vita ad un susseguirsi di innumerevoli vicende che le hanno donato un volto spettacolare e suggestivo. 





File:Santuario della Madonna del Divino Amore a Roma.jpgNei dintorni di Roma, esattamente sulla Via Ardeatina, andiamo a fare una gita al Santuario della Madonna del Divino Amore. La Chiesa è del XIII secolo, quando la famiglia nobile degli Orsini eresse una piccola fortezza, chiamata Castel di Leva, ceduta successivamente ad un'altra nobile famiglia, quella dei Savelli che la ribattezzarono Castello del Leone continua a leggere...





Castelli Romani


File:Villa Aldobrandini.jpg


Sempre a breve distanza da Roma si trovano i Castelli Romani, paesi di provincia caratteristici dove si possono fare  gite di un giorno. Denominati anche Colli Albani, i Castelli Romani sono un patrimonio di bellezza storico-culturale per Roma e per la regione  Lazio. Alcuni dei più noti sono : Ariccia, Albano, Castel Gandolfo, Colonna, Frascati, Genzano di Roma, Grottaferrata, Lanuvio, Marino, Monte Compatri, Monte Porzio Catone, Nemi, Rocca di Papa e Rocca Priora. 


Castel Candolfo 


File:Lago di Castel Gandolfo.jpg



Sicuramente, non può mancare una visita a Castel Candolfo e al suo lago: Il piccolo borgo si trova nella zona sud-est di Roma, ed è principalmente conosciuto come la residenza estiva del Papa. Infatti, l'ampio lago, offre refrigerio a tutti durante le lunghe ed afose estati romane, con il gradevole ponentino, tipico venticello nostrano.



File:Castle bracciano.jpgRoma,città bella dentro e fuoriEbbene si! La città eterna, meta ambita da milioni di turisti ogni anno, oltre ad offrirci magnifiche attrattive storico-culturali all'interno delle sue mura di cinta, ci riserva piacevoli sorprese anche al di fuori. Infatti, basta allontanarsi di pochi chilometri, per imbattersi in uno spettacolo mozzafiato: il lago di Bracciano.





Un'altra gita fuori porta, a pochi km. da Roma è quella che ci porta al lago di Bolsena  ed anche alla bellissima isola Bisentina




La cittadina di Bolsena situata sulle sponde del lago omonimo, quasi al confine con l'Umbria offre la possibilità di fare una gita di un giorno. Con il suo centro storico caratterizzato da vecchi vicoli e case che modellano un quadro medievale molto pittoresco.



Andiamo avanti con la nostra descrizione su alcune gite da fare vicino Roma in un giorno, e ci spostiamo nella provincia di Rieti e più precisamente andiamo a visitare due piccoli borghi ossia: il borgo di Labro con il suo castello e il borgo di Rocca Sinibalda, famoso anch'esso per il suo castello che si trova arroccato nell'estremità più alta del paese stesso.

Labro


File:La torretta del castello di Labro.jpg


Rocca Sinibalda


File: Bril, Paul - Feudo di Rocca Sinibalda - 1601.jpg


Questi due piccoli paesi sono situati in luoghi di bassa montagna infatti Labro si trova a 628 metri sul livello del mare, mentre Rocca Sinibalda è situato a 552 metri sul livello del mare. Entrambi i borghi appartengono alla provincia di
Rietialtra  cittadina da visitare per le mura medievali che la circondano, numerose chiese di interesse storico-culturale e per l'affascinante Rieti sotterranea, interamente visitabile su prenotazione. 


A circa 15 km e 30 minuti di automobile da Labro troviamo Leonessa, un paese di montagna infatti, la strada è con molte curve ma, vale la pena avventurarsi: lo spettacolo che potrete ammirare dai suoi oltre 900 mt. d'altezza è impareggiabile. Borgo di origine medievale, Leonessa è nota per il suo Palio del Velluto che si tiene l'ultimo fine settimana di giugno, con cortei storico-allegorici di ben 600 figuranti: dame, cavalieri, fanti e fantesche in splendidi costumi rinascimentali, per ricordare Margherita  d'Austria, figlia di Carlo V e signora di Leonessa, che viene interpretata dalla "Madonna" del Sesto vincitore. 



Il tutto tra spettacoli di fuoco, gare di cavalli, rappresentazioni teatrali, taverne dei Sesti aperte al pubblico per degustare cibi e bevande tipicamente rinascimentali. Le sei contrade (i Sesti ) gareggiano per l'assegnazione del Palio del Velluto nei giochi della "Palla grossa", la "Gara del pane" e la "Giostra del Velluto" e sono: Corno, Forcamelone, Poggio, Terzone, Croce e Torre. 

Un'occasione per catapultarsi nel '500 e trascorrere un weekend originale e pittoresco. 
Continua a leggere...

Sperlonga e Terracina

File:Terracina-vista01.jpg



Allontanandovi dalla zona della Sabina e spostandovi verso la provincia di Latina, potrete visitare altri luoghi facilmente raggiungibili e poco distanti dalla capitale, che si affacciano sul litorale tirrenico e che offrono, questa volta, la vista di  un paesaggio marittimo. Tra di essi spiccano in bellezza  Terracina e Sperlonga.

Terracina è divisa in due parti: quella antica di origine romanica, che si staglia su un colle e che offre una visuale mozzafiato del mare sottostante. La seconda, di più recente costruzione, è caratterizzata da un piccolo porticciolo e dai lidi balneari aperti al pubblico durante la stagione estivaIl mare e' abbastanza pulito, ci sono molti negozi e alberghi per trascorrere una bella vacanza o solo per una visita di un giorno. 

Sperlonga,  è la perla  turistica della zona del basso Lazio , è arroccata su una collina che digrada direttamente sul mare, con una veduta spettacolare. Le sue case sono tutte dipinte in calce bianca e si sposano perfettamente con l'azzurro del mare e del cielo, offrendo ai visitatori l'impressione di trovarsi in un paese mediorientale, percorrendo le vie cittadine ricche di boutiques, in un sali e scendi contornato di elementi architettonici di pregio. 




Ti potrebbe interessare anche:

Tour nelle città della Toscana

Cose da vedere in una gita in Costa Smeralda

Cosa vedere in una gita in Costa Smeralda una zona costiera a nord est della Sardegna, tra Palau e Olbia e Cala Sassari dove ci sono alcune delle più belle spiagge, ideale per gli amanti del sole e della natura.


File:Capriccioli.jpg

Per avere un migliore accesso sulle spiagge si avrà probabilmente bisogno di noleggiare una macchina dato che i ciclomotori non sono adatti sulle piste sconnesse che conducono fino al litorale. Guidare sulle strade costiere della costa Smeralda offre una opportunità per gli appassionati della fotografia di esercitare tutta la propria creatività. 


File:450px-Porto_cervo_1.jpg

Visitare la Costa Smeralda dove il meglio delle spiagge sono Liscia Ruia, Cappriccioli, Piccolo Pevero, Spiaggia del Principe e Romazzino. È possibile effettuare acquisti molto convenienti nei negozi lungo la  spiaggia. Ma se si vuole essere alla moda come i ricchi turisti della Costa Smeralda si può andare a Porto Cervo e Porto Rotondo per l'abbigliamento di lusso. 

Per una autentica cucina sarda potete provare un bellissimo posto immerso nella natura a Sant'Antonio Di Gallura, situato in collina a 357 metri d'altitudine, con una superficie di 7.600 ettari, il paese si trova al centro della Gallura, a poca distanza dal mare e dalla Costa Smeralda. Altrimenti guardare  le recensioni su alcuni ristorra nti della zona da alcuni.




 Sant'Antonio di Gallura deve essere considerato l'erede e la continuazione di un antico villaggio medievale chiamato Villa de Castro, sorta ai piedi di Lu Naracu, a qualche centinaio di metri dalla Chiesa di Sant'Andrea e dalla piazza omonima posta al centro del paese. Sull'esistenza del villaggio non dovrebbero esserci più dubbi perché è documentata da due importanti documenti: il liber Fondachi del 1317 ed il Compartiment de Sardenja del 1358. I modi per arrivarci sono o tramite strada o tramite il trenino verde.

Da vedere in una gita a Sant'Antonio di Gallura  anche il lago di Liscia, un lago artificiale della Gallura, nella Sardegna settentrionale, situato tra i comuni di Sant'Antonio di Gallura, Luras, Arzachena e Luogosanto. Per attraversarlo, si può usare il battello, simile a quelli che navigavano lungo il Mississipi, portandoti direttamente sulla sponda opposta in piena Costa Smeralda.





Decisamente suggestivo il video, i cibi della zona sono buoni ad esempio la zuppa detta gallurese è un piatto tipico della zona. Può essere molto difficile trovare alloggio in Costa Smeralda in alta stagione, la zona è principalmente servita da tour operator italiani, ma alcuni operatori locali forniscono dettagliate informazioni di alloggio direttamente on-line. 


 La Costa Smeralda è un luogo molto sicuro e accogliente per le vostre vacanze, basta ricordarsi di seguire alcune semplici regole.

Prima di tutto una buona crema protettiva. Tenere sempre acqua a portata di mano, poiché è facile disidratarsi se si resta tutto il giorno al sole.

Per info:


Ufficio turismo Arzachena


Tel. 0789 844055


Come arrivare in Costa Smeralda:


Voli dall'aeroporto di Olbia  
numerosi sono i voli che collegano lo scalo sardo ad alcune delle principali città italiane ed internazionali.  Le Linee aeree principali che operano da Olbia sono Easy Jet, Meridiana fly, Air Vallee, Alpi Eagles, Helvetic.com e Norwegian.

A livello nazionale, Alitalia garantisce voli economici da Olbia verso Milano Malpensa, Pisa, Torino, Palermo, Trieste, Lamezia Terme, Reggio Calabria, Brindisi; Air Italy e Air Dolomiti consentono di raggiungere città quali Venezia Marco Polo, Cagliari, Verona, Bologna, Bolzano, Milano Orio al Serio e Crotone. 

Le tratte nazionali sono ulteriormente potenziate da Meridiana fly che nella aerostazione di Olbia ha stabilito la propria sede. Tale compagnia offre collegamenti giornalieri verso Milano Malpensa, Venezia Marco Polo,  Verona, Firenze Peretola, Napoli, Bologna, Ancona, Rimini e molti altri. Nel periodo estivo, inoltre, vi sono voli charter da Olbia diretti a Lampedusa, Pantelleria, Parma e Roma Ciampino.o traghetto via mare da Genova Civitavecchia o Livorno in Italia. 

Molteplici compagnie marittime congiungono la Sardegna con la penisola italiana tutto l'anno con navi, motonavi, traghetti, aliscafi, ecc... in partenza, a seconda dei periodi. I prezzi partono da circa 35 40 euro per persona a secondo della compagnia dove ci si vuole imbarcare.

Da vedere anche:

 La Corsica, così vicino alla Sardegna ma così lontana dall'Italia quasi sconosciuta per la maggior parte delle persone. Un'isola con dei Paesaggi veramente eccezionali con un mare assolutamente bello e piacevole da vedere con le sue coste frastagliate le sue insenature i suoi anfratti nascosti continua 

Città e luoghi da visitare nel nel Nord Italia

 Descriviamo alcune città e luoghi da visitare nel nel Nord Italia, con fotografie e video. Sono molti i turisti che da ogni parte del mondo, vengono in Italia  e in particolare a Venezia a fare visita a questa splendida città.


File: Canale di Venezia.jpg

 Con la sua laguna e i suoi canali Venezia è considerata una delle città più belle e particolari di tutto il mondo.



L'Italia una penisola straordinaria e meravigliosa da nord a sud per il mare, i paesaggi, per l'arte.

Milano è un'altra città del Nord da visitare, con  il famoso Duomo e la sua omonima Piazza. da vedere anche il Palazzo Reale, antica residenza dei Visconti dove al suo interno si può visitare il Museo della Reggia con annessi manufatti e arredi originali. Ancora da visitare c'è il Castello Sforzesco, con una ricchissima collezione del Museo di Storia Naturale.


File:Piazza del Duomo Milano.jpg

Verona è la città degli innamorati e  San Valentino è l'occasione giusta per fare una gita di un giorno in questa città con il famoso balcone della casa di Giulietta che ispirò, probabilmente, Shakespeare per la famosa opera "Romeo e Giulietta". 

File: Verona piazza delle Erbe.jpg

La casa è costruita in mattoni, in stile prettamente medievale mentre il portale è in stile gotico,  con la statua di Giulietta nel cortile. Queste sono alcune delle attrattive da vedere nella casa narrata dallo scrittore più famoso d'Inghilterra William Shakespeare.




Altra città importante da visitare in Italia del Nord è Torino con la storica  Piazza Castello, dove si può ammirare l'imponente Palazzo Madama la cui facciata in stile Rococò realizzata da Filippo Juvara è oggi la sede del Museo Civico di Arte Antica. Nella parte settentrionale della Piazza, si può ammirare il Palazzo Reale una delle residenze dei duchi e dei re dei Savoia. Poco distante, sorge il duomo di San Giovanni Battista, che è l'unico edificio sacro del periodo rinascimentale della città. Ancora da vedere a Torino è la Mole Antonelliana. Simbolo della città e temeraria costruzione, fu iniziata nel 1862 da Alessandro Antonelli.

File:veduta di Torino.jpg


Bologna è un attraente e animata città con una grande popolazione studentesca che le garantisce una vitalità che spesso manca in molte delle città più piccole emiliane. 


File:Bologna-SanPetronioPiazzaMaggiore1.jpg



Bologna è famosa anche per la sua cucina. E 'anche considerata come una città moderna, molti italiani dicono che è seconda solo a Venezia in bellezza. Bologna con le sue torri medievali, ha certamente uno dei centri più grandi e meglio conservati tra le storiche città italiane ed è tra i luoghi più belli del Nord Italia da visitare.


Per gli appassionati del mare e dei bei paesaggi da fotografare, la Liguria e in modo particolare le Cinque Terre, sono alcune delle più belle località di mare da visitare in Italia del Nord:

800px-Riviera5terre Questo lembo di costa della Liguria è tra le località di mare più belle del Nord Italia e forse del mondo.
Le Cinque Terre sono cinque cittadine della costiera ligure immerse in uno scenario meraviglioso e sono: Corniglia ‎Riomaggiore - ‎Monterosso al Mare - ‎Manarola - ‎Vernazza. Le Cinque Terre sono tra i più pittoreschi luoghi in Italia del Nord. Altre fotografie delle Cinque Terre sono su questo link.


Un'altra città italiana del Nord da visitare è Genova,  capoluogo della regione Liguria. Genova è uno dei  tesori nascosti d'Italia, infatti, in questa città ci sono molte cose da visitare.



File:porto di genova.jpg


Genova è stata costruita sulle colline, con case dai colori vivaci come il giallo, il rosa e i tetti colorati di rosso  e arancio. La città di Genova è un capolavoro che cattura lo sguardo.





Un' altra bellissima località  da visitare in Italia del Nord  è il Lago di Garda, sulle cui sponde si affacciano ben tre regioni italiane: a nord il Trentino-Alto Adige, a ovest la Lombardia e ad est il Veneto. Sin dal XIX secolo si sviluppò una forte attività turistica, tuttora fiorente ed attiva con le sue numerose strutture alberghiere e nel corso dell'estate accoglie barche a vela e a motore, aliscafi, surfisti e bagnanti.



800px-Nago-Torbole_Torbole (FILEminimizer)

Il Lago di Garda è il lago più grande d'Italia, con una lunghezza di quasi 52 Km ed una profondità di 362 mt. Formatosi durante l'ultima glaciazione in cui i ghiacciai che scendevano dalle Alpi scavarono un profondo solco, al loro ritiro, il solco venne ricolmato dalle acque, creando questo splendido spettacolo. 




Il principale immissario è il fiume Sarca a nord, mentre come emissario a sud il Mincio che defluisce nel fiume Po e, successivamente, nel Mare Adriatico.

Leggi la guida su Torbole Malcesine Sirmione e Bardolino sul Lago di Garda>>>



Como deve la sua importanza alla posizione strategica che permetteva il passaggio settentrionale verso la Lombardia, ma la vera ricchezza di questa meravigliosa cittadina sul lago di Como è stata la produzione della seta. Como si trova in un ecosistema ideale per far progredire la sericoltura, con la sua grande quantità di alberi di gelso e acque pulite. 



File:lago di Como.jpg

Cosa vedere a Como:  Piazza  Cavour esattamente di fronte al lago, decorata da fontane e aiuole, è considerata il "boudoir buono" di Como, con molteplici alberghi e locali affacciati su di essa, si trova nelle vicinanze della riva del lago di Como.

800px-Merano_inverno (FILEminimizer)
Merano è un'altra località del Nord Italia da non perdere, con i suoi monumenti , i suoi impianti termali e i mercatini di Natale.

 >>>>Vai al post sulla città di Merano con fotografie, descrizioni e video 



Dolomiti.jpg

Le Dolomiti sono, probabilmente, uno degli spettacoli naturali di montagna da non perdere e da visitare in Italia del Nord, almeno una volta nella vita. Qui, si trova un'altra bella città del Nord Italia:  Bolzano, capoluogo dell'omonima provincia autonoma del Trentino-Alto Adige/Südtirol.  I primi riferimenti della storia di Bolzano risalgono al I secolo a.C, quando le legioni romane edificarono in questo luogo un presidio per i loro spostamenti verso il Nord Europa. La città di Bolzano fu costruita oltre 800 anni fa. Ai giorni nostri ci sono circa 100.000 abitanti ed è qui che si può trovare  Ötzi, l'uomo venuto dal ghiaccio, datato 5.000 anni.


File:I castelli della Valle d'Aosta.jpg

Sempre nel Nord Italia, non dovete perdere l'occasione di visitare un'altra regione ricca di splendori quale è la Valle d'Aosta con i suoi numerosi Castelli, ben 70 sparsi nella regione! Si potrebbe cominciare dal Castello di Issogne, nato come torre di difesa e successivamente ampliato dagli Challant, nel  cui interno sono conservati numerosi affreschi della fine del '400. Sull'altro versante del fiume si staglia il castello di Verrès, e a pochi chilometri di distanza il castello di Saint-Germain, la  fortezza più famosa della valle. Poco oltre, a Chatillon, si  potranno vedere ben due castelli: quello di Ussel e quello degli Challant. Per concludere il più noto della regione, il castello di Fénis, la roccaforte dei Savoia, considerata la miglior rappresentazione del gotico della zona. 


Il Nord Italia riserva ancora molteplici località da visitare degne di nota e non meno importanti delle precedenti quali:

Ferrara è uno dei 
capoluoghi dell'Emilia-Romagna e  sorge nella pianura alla destra del Delta del Po ed è considerata una delle più belle città rinascimentali d'Europa. Essa è nota alla storia per essere stata la città simbolo della nobile casata degli Este. In realtà Ferrara si compone di due nuclei, quello medievale, più antico, caratterizzato da vicoli stretti ed intricati nella parte a sud ....continua la lettura

Padova  fu
 fondata con molta probabilità nel IV secolo a.C. famosa per le opere del suo  S. Antonio che decise di vivere ed operare i suoi miracoli in questa ridente cittadina veneta... continua la lettura

Parma sorge ai piedi degli Appennini dell' Emilia-Romagna, alla confluenza dei fiumi Parma  e Baganza, nota in tutto il mondo per i suoi numerosi prodotti alimentari unici ed impareggiabili per qualità e gusto, quali il famoso Parmigiano Reggiano ed il prosciutto di Parma... continua la lettura



Piccola vacanza nella città di Torino

Per una piccola vacanza  nella città di Torino nel nord Italia della durata di un weekend, con la possibilità di dormire in hotel, il percorso da noi consigliato per visitare la città è: il centro della Torino storica è Piazza Castello, dove si può ammirare l'imponente Palazzo Madama la cui facciata in stile rococò realizzata da Filippo Juvara è oggi la sede del Museo Civico di Arte Antica. Nella parte settentrionale della Piazza, si può ammirare il Palazzo Reale una delle residenze dei duchi e dei re dei Savoia. Poco distante, sorge il duomo di San Giovanni Battista, che è l'unico edificio sacro del periodo rinascimentale della città. 

File:veduta di Torino.jpg

All'interno del Duomo, dietro l'altare maggiore, si può ammirare la Cappella della Sacra Sindone, progettata da Guarino Guarini per conservare la reliquia più importante della chiesa cattolica. A sud di Piazza Castello, potrete visitare Palazzo Carignano, realizzato su progetto del Guarini, che ha un notevole significato storico, perché nel 1861 vi fu proclamato il regno d'Italia. 

Da non perdere anche il Palazzo dell'Accademia delle Scienze,  che ospita il Museo Egizio, il più grande del mondo dopo quello del Cairo. In esso troviamo anche la Galleria Sabauda con la collezione privata di casa Savoia. Tutte le residenze dei Savoia di Torino e dintorni sono diventate patrimonio dell'UNESCO. Ma il simbolo della città è la Mole Antonelliana realizzata e completata da Alessandro Antonelli  nel 1888 con i suoi 167 mt. d'altezza.

File: Piazza Castello Torino.jpg

Dopo aver visto cosa si può visitare a Torino per un weekend, ecco alcuni cenni storici sulla città capoluogo del Piemonte che sorge alla confluenza della Dora Riparia con il Po, sul margine occidentale della Pianura Padana, ai confini con la Francia. Divenne colonia militare romana già nel I secolo a.C. come importante centro di transito verso le Gallie. In seguito divenne ducato longobardo, contea carolingia. Seguì un periodo di grande sviluppo e prosperità, che fecero affermare a Torino il potere vescovile e l'autonomia cittadina. 




Nel 1248 i Savoia ne ottennero il feudo che persero e riconquistarono alternativamente nel corso dei secoli successivi e presa d'assedio da francesi e spagnoli  e nel 1814, ritornò ai Savoia grazie alla Restaurazione divenendo capitale del regno di Sardegna e centro dei movimenti patriottico - rivoluzionari che portarono all'unione d'Italia, di cui fu capitale dal 1861 al 1865. 

Per arrivare a Torino: 

 facile da  raggiungere la città di Torino con qualsiasi mezzo e da qualsiasi parte d'Italia,  se scegliete di viaggiare in auto, con una mappa interattiva il sito di Turismo Torino e Provincia  propone la possibilità di determinare i percorsi stradali più corti, i più economici o quelli semplicemente meno trafficati, con segnalazione delle principali strade e autostrade.

Altre notizie sono anche per chi arriva o parte in aereo, con la comunicazione delle compagnie e dei collegamenti da e per l'Aeroporto Internazionale di Torino, e per chi viaggia in treno o in autobus, per avere una reale e completa descrizione delle stazioni.


Dove e cosa mangiare a Torino:

La buona cucina torinese, con tantissime ricette offre la possibilità di gustare piatti tipici piemontesi tra i quali: Agnolotti del plin al sugo d'arrosto, il risotto al barolo, come secondi il vitello tonnato, il bollito misto, per i dolci da assaporare ci sono il  bounet a base di amaretti,  panna e caramello, i baci di dama, la torta alla gianduia. 

Come vini ci sono i rossi famosi in tutto il mondo dal Dolcetto, al Barbera, ottimi per accompagnare i primi piatti, al Nebbiolo, il Barbaresco e Barolo, ideali con le carni rosse.

Pregevoli e gustosi  i  vini bianchi  come il Cortese, il Roero Arneis, il Gavi o l’Erbaluce da come aperitivo o con piatti a base di pesce. Accompagnati con i dolci ci sono i vini rosati come la Malvasia e il Brachetto o gli immancabili Moscato e Spumante.

addthis